SIC-ZPS IT4060002 Valli di Comacchio
Le azioni verranno svolte sotto la responsabilità del Parco Regionale Delta del Po E-R e riguarda due attività:
  • il miglioramento della circolazione idraulica nei due grandi bacini principali;
  • la creazione di nuovi siti di nidificazione di specie target di uccelli.
Gli interventi di miglioramento della circolazione idraulica comportano lavori da un lato volti ad una migliore movimentazione delle acque nei due bacini principali e dall'altro al controllo della qualità delle acque dolci in entrata che rappresentano la principale fonte di nutrienti.

La creazione di nuovi siti di nidificazione per specie target di uccelli i lavori sono legati a quelli di escavo ed approfondimento dei canali sublagunari necessari per il miglioramento della circolazione idraulica, realizzando così una forte economia di scala, in quanto i sedimenti di risulta dalle operazioni di escavo sono utilizzati direttamente per la creazione/ripristino di siti idonei alla nidificazione delle specie target di uccelli.

Gli interventi riguardano in particolare:
  1. Riescavo del tratto terminale del canale Fattibello: per migliorare l'officiosità idraulica davanti al nuovo manufatto a 4 luci che mette in comunicazione le valli con il mare, è un tratto di circa 400 m, si ipotizza un canale largo 20 m, con una profondità di scavo di circa 1 m, per un totale quindi di 8.000 mc. Il terreno escavato sarà depositato entro aree delimitate già presenti, formando nuovi dossi per l'avifauna, tali aree saranno rivestite di telo geotessile per il contenimento del terreno, il canale sarà segnalato con bitte.
  2. Riescavo di tratti del Canale Ungola: per una lunghezza complessiva dell'intervento di circa 2km; si ipotizza uno scavo di almeno 8 m di larghezza per una profondità media di 1 m, e la creazione di dossi con il materiale di risulta.
  3. Riescavo del canale Foce: per un lunghezza di circa 2,3 km (dalla chiavica di Foce al varco) si prevede una profondità media di scavo pari a 1 m per una larghezza di 15 m. Totale circa 30.000 mc di terreno da scavare con la draga ed utilizzare per la formazione dei dossi e ricaricare le già presenti arginature di Valle Cona.
  4. Riescavo del canale Serilla-Varco: con lunghezza stimata di 1,1 km larghezza 20 m per una profondità media di 1,30-1,50 m: totale 33.000 mc con terreno da utilizzare per ricaricare il dosso delle Povine e formare nuovi dossi per l'avifauna nei relitti di Valle Cona.
  5. Realizzazione di 2 sublagunari di lunghezza 0,7 km ciascuno, larghi 20 m. Da una prima stima su carte batimetriche in nostro possesso si quantifica in circa 40.000 mc il volume di terra da spostare e depositare a rinfianco dei residui dell'argine presente per la formazione di dossi per l'avifauna.
  6. Ripristino della chiavica Leonarda che, insieme ai sifoni Casalino e Caso di Guarda permettono di attingere acqua del fiume Reno.
  7. Manutenzione straordinaria sulla chiavica di Caldirolo la quale consente lo scarico delle acque nel canale Fosse Foce, completando così il sistema di circolazione nelle grandi valli.
  8. Ripristino di un dosso storico per la nidificazione di specie target di uccelli
  9. Ripristino dell'officiosità idraulica di Valle Zavelea e del prato Barenicolo